Periferico 2016

Futuro Antenato
 

Futuro Antenato, l’ottava edizione del festival Periferico si è svolta dal 27 al 29 maggio tra le officine in disuso e le imprese del Villaggio Artigiano di Modena Ovest. Un luogo della città nato da una coraggiosa intuizione politica a partire dalle tensioni sociali ed economiche del dopoguerra: il primo modello di Villaggio Artigiano nel nostro Paese, un territorio tra campagna e città che teneva insieme vita e lavoro, saper fare manuale e impresa, filiera produttiva e appartenenza di comunità.

I temi che fanno da sfondo alla drammaturgia di questa edizione di Periferico sono nati durante una passeggiata, insieme ai primi pensieri su quest’area della città e sul suo presente. Al centro la stretta relazione tra arte e artigianato, ma anche domande sul legame tra memoria e cambiamento, attraverso l’estinzione di un modo di produzione economico che è anche trasformazione antropologica di un territorio.

Durante cinque mesi di osservazione partecipante del Villaggio, abbiamo rivolto queste domande agli abitanti e a diversi pensatori – architetti, economisti, antropologi – formulando incontri, interviste, analisi.

Il festival nasce sulle fondamenta di queste interrogazioni e sulla ricerca di un’azione artistica in grado di esprimerle. Ci siamo forzati all’attesa, ad attraversare il Villaggio giorno dopo giorno per ascoltare.

 

A partire da questo lavoro sul campo, Futuro Antenato si sviluppa come una riflessione sul rapporto tra caduta e creazione, tra l’estinguersi e il destino futuro di quei luoghi in cui il vissuto si mescola ancora alle cose, e continua a domandare d’esserci.

 

Diversi artisti dall’Europa, incontri di riflessione, performance e installazioni attraversano il Villaggio confrontandosi con le urgenze del presente, elaborando un rilancio, osservando che cosa deve ancora sorgere, che cosa non è mai abbastanza nato, che cosa è stato perduto.

Cercando nel frastuono del nuovo e dell’antico che si incontrano, attraverso la lente dell’arte, una particella sepolta ma ardente, un desiderio da celebrare ancora.

 

Crediti

  • UN PROGETTO DIAmigdala
  • CURAFederica Rocchi
  • SCRITTUREGabriele Dalla Barba
  • SUONOMeike Clarelli
  • IMMAGINISara Garagnani
  • ORGANIZZAZIONE, LOGISTICA E AMMINISTRAZIONEElisa Cifola, Frida de VreeElisa Cifola, Frida de Vreese (D.O.T. Modena); Lisa Fiaschise (D.O.T. Modena); Lisa Fiaschi
  • UFFICIO STAMPAFrancesca Ferrulli
  • TECNICADavide Cristiani e Fabrizio Orlandi
  • COORDINAMENTO VOLONTARISilvia Tagliazucchi
  • ASSISTENZA LOGISTICAPatrizia Canali e Giulia Canali
  • TIROCINIODavide Trentini
  • UN RINGRAZIAMENTO Atutti i volontari; le imprese che hanno aderito e i cittadini che hanno collaborato; Nicola Ferrari; Stefania Rocchi e Cesare Galassini; Andrea Cavani; Luca Biancucci, Andrea Pozzi, Rita Bovo; Cristina Cavani; Beppe Manni; Eugenio Ronchetti e Leonarda Leonardi; Michela Manuzzi; Drama Teatri e Teatro dei Venti.
  • CON IL CONTRIBUTO DIFondazione Cassa di Risparmio di Modena, Comune di Modena, Quartiere 4, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, CNA Modena
  • CON IL PTAROCINIO DIRegione Emilia Romagna
  • IN COLLABORAZIONE CONConsorzio Attività Produttive Aree e Servizi, Archivio Architetto Cesare Leonardi, Ovestlab

Share this post

Programma

Scopri il programma qui  

venerdì 27 maggio

ore 17 – 20 Orme Visita guidata alle imprese del Villaggio Artigiano. Partenza da OvestLab. Prenotazione consigliata.

ore 17 – 20 Amigdala (IT)Lettere anonime per un camminatore Percorso itinerante solitario con guida sonora con | Beatrice Schiros ideazione e regia | Amigdala testi | Gabriele Dalla Barba composizione sonora | Meike Clarelli con la collaborazione dei cittadini del Villaggio Artigiano e delle imprese che hanno aderito. Partenza ogni 5 minuti da OvestLab, biglietteria. Prenotazione obbligatoria. ore 17 – 22, OvestLab Antonio Panzuto (IT)Notizie Straordinarie da un altro pianeta installazione scenica ore 18.30, OvestLab Márcia Lança e João Calixto (PT)Morning Sun Prenotazione consigliata. Creation and Interpretation | Márcia Lança and João Calixto Project | Márcia Lança Creation Support | Tiago Hespanha Light Design | Alexandre Coelho Production Director | Sérgio Parreira Production | VAGAR Co-Production | Tempo – Teatro Municipal de Portimão Residencies Support | GDA Direitos dos Artistas Artistic Residencies | O Rumo do Fumo, ZDB Negócio Support | Artistas Unidos, ALKANTARA, Atelier RE.AL, Lança & Filho Lda. ore 20, OvestLab Spatial Practices Incontro pubblico con Cecilia Guida e Claudio Calvaresi ore 21, OvestLab Collettivo Jennifer Rosa (IT)Mobile Vulgus_Massa Performance concept e regia | Chiara Bortoli, Francesca Raineri, Fiorenzo Zancan con i performer del workshop tenuto dal collettivo durante il festival ore 22, OvestLab dj-set  

sabato 28 maggio

ore 17 – 20 Orme Visita guidata alle imprese del Villaggio Artigiano. Partenza da OvestLab. Prenotazione consigliata. ore 17 – 20 Amigdala (IT)Lettere anonime per un camminatore Percorso itinerante solitario con guida sonora con | Beatrice Schiros ideazione e regia | Amigdala testi | Gabriele Dalla Barba composizione sonora | Meike Clarelli con la collaborazione dei cittadini del Villaggio Artigiano e delle imprese che hanno aderito. Partenza ogni 5 minuti da OvestLab, biglietteria. Prenotazione obbligatoria. ore 17 – 20, OvestLab Kaja Lorenci and Ivan Mijačević (SLO)Getting Keeping Staying in touch Site sensitive dance performance Ingresso libero ore 17 – 22, OvestLab Collettivo Jennifer Rosa (IT)Mobile Vulgus_ Massa Installazione video Ingresso libero

ore 18, OvestLab Andrea PonsoEdificare e distruggere. La dinamica del rito lecture Ingresso libero

ore 19.30, Massicciata Ex ferrovia Lucilla Galeazzi (IT)Canti all’aria Partenza da OvestLab Prenotazione consigliata. ore 21, OvestLab Antonio Panzuto (IT)Notizie Straordinarie da un altro pianeta azione teatrale per macchine da guerra Azione teatrale per macchine da guerra Prenotazione consigliata. Luogo e oggetti | Antonio Panzuto Suoni e Regia | Alessandro Tognon Luci | Paolo Rodighiero ore 22, OvestLab Les Parapluies, Concerto  ingresso libero
Riccardo Marchi, voce
Simone Marcandalli, chitarra
Marco Paganucci, piano
Alessandro Fattorini, contrabbasso
 “Non è facile ascoltare il jazz cantato in francese a Bologna e dintorni. Le rarità, lo sappiamo, talvolta sono preziose. Come nel caso di Les Parapluies, dove la  chanson française e il jazz si incontrano, si abbracciano, si corteggiano. Il repertorio di canzoni e di musiche del quartetto vi farà ascoltare col sorriso in volto, ciondolare la testa e battere il piede a tempo. Vi inviterà a cantare, a ballare e ad applaudire. Di sicuro, non vi lascerà indifferenti.” Les Parapluies, da ascoltare con la pioggia e con il sole.

domenica 29 maggio

ore 18.4530, partenza da OvestLab Giannalberto De Filippis e Michal MualemPerformance itinerante site-specific

Creato e interpretato da Michal Mualem e Giannalberto de Filippis con la partecipazione di Arabella Scalisi, Mirko Paparusso e Laura Chieffo

Partenza da OvestLab. Prenotazione obbligatoria. ore 17 – 20 Orme Visita guidata alle imprese del Villaggio Artigiano. Partenza da OvestLab. Prenotazione consigliata. ore 17 – 20 Amigdala (IT)Lettere anonime per un camminatore Percorso itinerante solitario con guida sonora con | Beatrice Schiros ideazione e regia | Amigdala testi | Gabriele Dalla Barba composizione sonora | Meike Clarelli con la collaborazione dei cittadini del Villaggio Artigiano e delle imprese che hanno aderito. Partenza ogni 5 minuti da OvestLab, biglietteria. Prenotazione obbligatoria. ore 17 – 20, OvestLab Antonio Panzuto (IT)Notizie Straordinarie da un altro pianeta Installazione scenica Ingresso libero ore 17 – 20, OvestLab Kaja Lorenci and Ivan Mijačević (SLO)Getting Keeping Staying in touch Site sensitive dance performance Ingresso libero ore 17 – 20, OvestLab Collettivo Jennifer Rosa (IT)Mobile Vulgus_Massa Installazione video Ingresso libero ore 17.30, OvestLab Heiner Goebbels (DK)Landscape plays in industrial spaces Lecture in inglese con traduzione in italiano Prenotazione consigliata. ore 19.30, Massicciata Ex ferrovia Maurizio Lupinelli/Nerval Teatro (IT)Chi ha messo l’insalata verde nel frigo? Azione drammatica in tre movimenti dedicata ad Antonin Artaud e Leo de Berardinis

Partenza da OvestLab Prenotazione obbligatoria.

di | Maurizio Lupinelli con | Maurizio Lupinelli produzione | Nerval Teatro con il sostegno di Regione Toscana – Settore Spettacolo

a seguire – ore 20.30 c.ca, OvestLab La Germania che ho in testa incontro pubblico con Marco Menini e Mauro Paglialonga con proiezione di parti del documentario di Nerval Teatro “La Germania che ho in testa” ideato da Graziano Graziani. Ingresso libero

ore 21.30, OvestLab Facci & Ubri, Concerto blues Ingresso libero

Facci & Ubri è un duo che nasce come il blues: nelle taverne, per le strade, sviluppandosi poi in un progetto sempre più concreto. L’idea fondante è quella di ripercorrere le orme dei grandi padri del blues, di compiere un percorso indietro nel tempo lungo le rive del Mississippi, nei campi di cotone, dentro alle prigioni dell’America del primo ‘900, dove ancora riecheggia la musica e le parole di grandi cantautori quali Robert Johnson, Skip James, Mississippi Fred McDowell, Mississippi John Hurt, Blind Boy Fuller, Blind Willie Johnson.

 

ore 22.30, partenza da OvestLab Carlo Infante, Walkabout Futuro Antenato Ingresso libero


 

durante il festival, Massicciata Ex Ferrovia DeviAzione di percorso a cura di Federica Rocchi e Silvia Tagliazucchi

in collaborazione con Tric e Trac Ingresso libero

Altre azioni

Dimore di frontiera

Programmazione

Colloqui di futuro, 2016

Programmazione